proverbi

  • Aringo, Aringo bello, tre campane e un campanello.
  • S. Antonio co’ la barba bianca, se nun fiocca la neve nun manca.
  • Quanno lu sole mette l’occhio, la neve allu ginocchio.
  • Se magni la pulenta e bevi l’acqua, arzi la gamba e la pulenta scappa.
  • Candelore da lu ’nverno semmo fore, ma se fiocca o tira vento de lu ‘nverno semmo dentro. Rispose la vecchiaccia: “Che faccia o che non faccia lu ’nverno è fino a Pasqua, ma pe esse più sicuri è quanno passano li mietituri”.
  • Fiocca fiocca se vo fioccà, aiu ‘ccisu lu porco e refattu lu pà e lu carratello pure ce sta.
  • Quanno fiocca de gennaro, statte attento allu pajaro.
  • La neve tonda aspetta la seconda.
  • Gennaro lungo lungo, dell’arca e lu pajaro ne vòle lu funno.
  • Lu ’nverno nun è quanno lo è, ma quanno lo fa.
  • Febbraru cortu e amaru.
  • Chi vò lo vinu a brocca, tardi rama e presto rocca.
  • Chi vò ‘n buon rapuglio lo deve seminà de luglio.
  • Anno de noci, anno de croci.
  • A Roma vacce e allu paese stacce.
  • Non te mette ‘n cammino se la bocca non sa de vino.
  • Alla cattiva revacce, ma alla bona non ce reì.
  • A casa de li poveri non mancano li tozzi.
  • Quanno la montagna mette lu cappello, vénnete la crapa e fatte lu mantello; quanno la montagna sbraga, vénnete lu mantello e fatte la crapa.
  • Quanno fiocca a pelo de jatto, è più quella c’ha da fà che quella c’ha fatto.
  • La neve marzarola dura quanto la pace tra socera e nora.
  • La neve marzolina dura dalla sera alla matina.
  • La neve marzolina dura quanto la pace co’ la vicina.
  • Quanno potìa non volli, mo che vorrìa non possu.
  • Tre femmene e tre noci non ponno sta nascoci.
  • Chi cià ‘n buon ciocchetto lo serbi a marzetto.
  • Natale co lu sole, Pasqua co lu tizzo.
  • Passa, passa l’acqua lu martedì de Pasqua; l’acqua la so’ passata e la ciammella me la so’ magnata.
  • Lu sole de marzo scalla la serpe sotto allu sasso.
  • A marzo taja e pota se non vòi la botte vota.
  • Le meju mele vanno sempre a li peggio porchi.
  • L’olio da li sassi nun se pò spreme.
  • Legna e formaggio remettele a maggio.
  • La moje? Va bene pure vecchia… Lu brodo? Pure de cornacchia… ma lascia perde la macchia!
  • Quanno lu bue starnuta lu tempo muta.
  • Se lampa la scampa, se tòna la sòna.
  • Strada facendo s’aggiusta la soma.
  • Lu sereno della notte dura quanto le pere cotte.
  • Quanno lu monte governa lu piano, quanno lu lebbre corre appresso allu cane, quanno la moje comanda lu marito, ce semmo ridotti a un male partito.
  • Palma bagnata, gregna asciutta.
  • Se dell’Ascensione piove la notte, è mejo che Dio ce manna la morte.
  • E’ nato aseno ma more mulo.
  • Se piove tra luglio e agosto, piove miele, olio e mosto.
  • Il contadino che va ‘n campagna, patate zappa e patate magna.
  • Nonna ha detto che lo vino se fa pure co l’uva.
  • Nonna ha detto: me raccomando, frequenta quelli mejo de te e faje le spese!
  • E’ mejo annà in campagna quanno piove che giocà a briscola e fà cinquantanove.
  • Quanno è notte lu birbo s’aìna e s’accorge della poca opera c’ha fatto.
  • Quanno è notte lu birbo s’aìna e dice che è stata corta la jornata.
  • S’iccisu lu tonto che nun se meteca.
  • Che voi imparà, la fratta allu lupe?
  • La fame caccia lu lupe dalla tana.
  • Raduno de volpi, strage de galline.
  • Aseno e mulo carica ‘n culo, vacca e cavalla carica a spalla.
  • L’aseni zurleno e li barili se sfasceno.
  • Aseni bianchi e bòi rusci, manco ‘nnanzi a li muri te li ‘mpari a cunusce.
  • Non sò pe’ l’aseni li confetti, né manco le mele rosce pe’ li porchi.
  • Pilu rusciu e cane pezzato, accìelo appena nato.
  • Chi da giovane se governa, vecchio more.
  • Se vòi vedé l’omo cazzaccio, è quanno che porta lu fijo ‘n braccio.
  • Fiji piccoli guai piccoli, fiji grossi guai grossi, fiji sposati guai raddoppiati.
  • Nu padre governa cento fiji, cento fiji non governano lu padre.
  • Bove pascia e campana sona.
  • Chi cià ‘nu porco solo l’alleva grasso, chi cià ‘nu fijo solo l’alleva matto.
  • Triste quillo corpo do nun entra nu pilo de porco.
  • Lu pane dell’altri cià sette croste: la più tosta è la mollica.
  • È mejo ‘n aseno vivo che ‘n cavallo morto.
  • Ce vò più pe fa ‘n pecorale che pe fa ‘n prete.
  • L’amore te fa arrampicà ‘n faccia alli muri, la fame te fa riscenne.
  • Quanno l’aseno è vecchio remette la coda.
  • Aseno vecchio, masto novo.
  • Lu porco revà sempre allu trocco.
  • Lu porco quanno è satollo rebarda lu trocco.
  • Quanno le acchi zurleno, piove.
  • Tu sta loco, io stengo ecco, se tu non me la cerchi io non te la tengo.
  • Palo pe’ dritto e femmina ‘n piano reggeno tutto lu monno sano.
  • Je me resparàgno mojema allu letto e l’ari se la godeno allu pajaro.
  • Quanno lu jalle canta allu patullo, lu tempo vanne a mollo.
  • È mejo miete lu grano té co’ la subbia che quillu dell’altri co’ lu falcitto.
  • Preti, frati e polli non so’ mai satolli (e vacche pezzate).
  • Quanno lu piccolo parla, lu grosso ha già parlato.
  • Le botte de lu marito so le glorie dellu paradiso.
  • Sàrvate dall’omo che guarda basso e dalla donna che allunga ‘l passo.
  • Quanno s’annuvola sopra la brina, o è acqua o farina.
  • Mejo puzzà de vino che d’acqua santa.
  • Poche pecore e assai vigna, una è rogna e l’altra è tigna.
  • Conta che te riconta, è sempre la mejo pecora che manca.
  • La cera se consuma, ma lu morto nun cammina.
  • Li guai de la cazzarola li sa solo lu coperchio.
  • Co’ lu tempo e co’ la paja se maturano le sòrbe.
  • Sàrvate dallu lupe, dallu tasso e dalla donna co’ lu culo basso.